Pasquetta a Berbenno 2018 - Millenovecentoventuno

Vai ai contenuti

Pasquetta a Berbenno 2018

I racconti dei nostri viaggi > I nostri viaggi del 2018
Tra marzo ed aprile è difficilissimo prevedere come sarà il tempo così passiamo le due settimane prima della nostra consueta uscita di Pasquetta a chiederci che tempo ci sarebbe stato, con il dubbio amletico: “Ma se dovesse piovere che si fa, si va in macchina!?” Beh, ci ha detto bene e al mio risveglio stamane il sole brillava in uno stupendo cielo terso.
Il ritrovo al solito bar è intorno alle dieci, tanto non si andrà lontano, ma io non potrò essere della partita da subito perché Maria è a casa sola e non posso lasciarla troppo a lungo. Mi tengo però in contatto con Whatsapp e mi sembra di essere lì.
Oltretutto sono a un tiro di schioppo dal Passion Cafè e sentivo le moto arrivare.
Intorno alle undici ho sentito il gruppo partire e il rombo dei motori allontanarsi da Albignano mentre io sistemavo tutto a casa. Maria oggi no era in gran forma e prima che io partissi le ho rimboccato le coperte perché ha deciso di andare avanti a riposare.
Alle undici e un quarto mi sono messo in strada anch'io, visiera alzata e aria fresca che ti pennella la faccia. Non corro e seguo la strada più “tortuosa” possibile. Attraverso l'Adda a Cassano, proseguo per Vaprio, da lì seguo il Brembo e a Brembate taglio in su per Marne. Da lì la solita strada fino ad Almenno san Bartolomeo dove ho deciso di risalire fino a Roncola per godere di qualche curva. L'appuntamento con gli altri è verso le dodici e mezza così taglio in giù per Bedulita ed infine Capizzone e in breve risalgo la Valle Imagna ed arrivo a Berbenno.
Al mio arrivo ci sono Camion e un altro amico che ho conosciuto oggi e quindi non si offenderà se non mi ricordo il nome, nell'attesa ci facciamo un aperitivo!
Tutto il gruppo arriva dopo una mezz'oretta, si erano fermati a fare l'aperitivo a due chilometri di distanza. Io mi ero preparato con al videocamera sul tripiede per fotografarli tutti al loro arrivo e, come sempre accade con la roba elettronica, si è bloccata e non ha scattato niente!
Ci perdiamo in chiacchiere un pochino davanti alla pizzeria di Ceresola, si sta davvero bene, il sole splende e non fa freddo, ce la godiamo davvero.
Anche il ristorante è quello di sempre, una graditissima conferma, grande ospitalità e simpatia. Purtroppo a metà del pranzo devo salutare tutti e partire, il capo non mi ha messo fretta ma si è svegliata ed è giusto che io vada.
Mi rimetto in cammino e mi dirigo verso la Valle Brembilla e scendo verso casa passando per Ubiale e Clanezzo per sfruttare anche le ultime curve.
Un bellissima giornata, con tanti amici appassionati di moto e della buona tavola, replicheremo presto!
Grazie a tutti i partecipanti e a Camion e BMW per l'organizzazione!
GRAZIE MAMMA CHE MI HAI FATTO GUZZISTA!
Torna ai contenuti